I 4 Archi di trionfo di Parigi

I 4 Archi di trionfo di Parigi

Gli archi di trionfo non sono una realtà solo Italiana, infatti anche nella capitale Francese possiamo trovare ben 4 archi di trionfo parigini, importanti attrazioni turistiche che rendono Parigi una importante capitale del Turismo anche storico.

Gli archi di trionfo parigini sono ovviamente legati ad avvenimenti storici e militari che tutt’ora per gli abitanti di Parigini sono molto significativi, monumenti alla storia che lasciano un ricordo di un’epoca molto vissuta dalla storia Parigina.

La loro costruzione avviene per mano di Luigi XIV e di Napoleone 1° che questi archi di trionfo vengono fatti ereggere in ricordo di gloriose battaglie che hanno visto i parigini trionfare e distinguersi in battaglia.

Per fare un viaggio lineare degli archi di trionfo parigini in ordine di importanza possiamo partire dal quartiere 10, come spiegato in questo articolo infatti parliamo di un quartiere molto animato e cosparso di Teatri che ravvivano la cultura parigina.

Il viaggio continua poi per il Louvre e il giardino delle Tuileries, l’ultimo arco vi permette di terminare la visita sul viale più bello del mondo, i Campi Elisi o anche meglio conosciuto come gli Champs élysées.

Archi di trionfo Parigini

Vediamo ora assieme gli archi di trionfo parigini e cosa raccontano nelle loro sculture, tutti gli archi di trionfo in generale raccontano un pezzo di storia che ha caratterizzato l’epoca della loro costruzione, a Parigi possiamo notare ben 4 archi di trionfo

Le Porte Sant-Martin e Sant-Dennis

Parliamo forse dei due archi di trionfo meno “turistici” di Parigi, si trovano entrambi nel 10 arrondissement, rappresentanza palese del periodo di guerra che ha contraddistinto gran parte del regno di Luigi XIV, ( Sicuramente uno dei più guerraglioli tra i Re passati in Francia) segnano dalla loro costruzione l’entrata di Parigi, simboleggiano la gloria del re Sole e i vanti delle sue vittorie militari.

La prima a essere costruita è la porta Sant-Dennis, costruita infatti nel 1672 a cura di François Blondel, più tardi esattamente due anni dopo viene costruita la porta Sant-Martin, costruzione eseguita assieme al suo allievo Pierre Bullet, nelle vicinanze della seconda porta possiamo trovare anche la stazione Strasbourg Saint-Denis con le linee 4, 8 e 9 della metropolitana di Parigi, quindi facilmente raggiungibile anche dal centro nel caso vogliate prepararvi un’itinerario di Parigi da visitare durante una vacanza.

L’arco di trionfo du Carouselle

Napoleone è sicuramente ricordato per la conduzione delle molteplici battaglie che lo hanno consacrato alla storia mondiale, sicuramente due delle nazioni dove ha avuto il maggiore numero di battaglie sono l’Austria e la Russia, dove l’esercito Francese ha sicuramente dato il meglio di se in un epoca trafitta da importanti guerre.

La vittoria più famosa di Napoleone è sicuramente quella del 1805 a Austerlitz, nasce proprio da questa battaglia l’arco di trionfo du Carouselle, arco fatto realizzare dall’imperatore tra il 1806 e il 1808 per celebrare con una illustrazione le vittorie napoleoniche del 1805 e la capitolazione di Ulm nel 1807, l’arco di trionfo du Carouselle è composto da tre arcate decorate, sovrastato da due statue di Bronzo che ne svettano nella sua bellezza complessiva.
Viene realizzato lontano dalle automobili e lo possiamo trovare tra il Louvre e il giardino delle Tuileries.

L’arco di Trionfo (O arco di trionfo de L’étoile )

Concludiamo con l’arco di trionfo di Parigi più importante, più grande e più imponente rispetto agli altri archi di trionfo presenti sul territorio parigino. Oltre 50 metri di altezza, con una lunghezza di 45 metri e i 22 di larghezza si può considerare uno dei monumenti più importante della capitale Francese, costruito nel 1806 sotto ordine di Napoleone 1° ma verrà finito solamente 30 anni dopo sotto il regno di Luigi-Filippo, gli architetti che hanno progettato l’arco di trionfo parigino si sono ispirati all’arco di Tito a Roma. L’arco è stato costruito sullo stesso asse di quello del Carouselle e possiamo vederlo in fondo ai campi elisi.

Parigi Viaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *